Home»Test»Su strada con la nuova Audi A5 Coupé, in vendita da settembre

Su strada con la nuova Audi A5 Coupé, in vendita da settembre

1
Condivisi
Pinterest Google+

La seconda generazione dell’Audi A5 Coupé arriverà nelle concessionarie italiane a settembre. Dopodiché la gamma A5 si completerà all’inizio del 2017 con la Sportback a 5 porte e, nella primavera successiva, con  la Cabriolet.

La vettura nasce con un compito non facile: sostituire l’Audi A5 Coupé del 2007 che Walter de Silva, l’ex responsabile dello stile del Gruppo VW, ha individuato più volte come l’auto più bella da lui disegnata in tutta la carriera. In effetti quel modello rappresenta uno dei più riusciti esempi di design automobilistico dell’ultimo decennio, tanto è vero che la Casa di Ingolstadt, nonostante questa A5 sia integralmente nuova, ha deciso di mantenere la filosofia generale del vecchio modello, pur con alcuni aggiornamenti in funzione dei canoni estetici Audi, evolutisi nel frattempo.

Le dimensioni sono quasi invariate: larghezza (1,85 metri) e altezza (1,37 metri) sono invariate, mentre la lunghezza cresce di 4 centimetri (4,76 metri) e il passo di 1 centimetro (2,76 metri). Però cambiano il muso, che somiglia a quello della TT e ha sul cofano nervature molto evidenti,  mentre la coda si ispira a quella della grande A8. Il risultato è gradevole ed equilibrato, ma meno omogeneo rispetto all’originale.

Diminuisce il peso (fino a 60 kg) grazie alla nuova piattaforma che he permesso una progettazione ottimizzata di molte componenti e aumenta la dotazione di elettronica, che ora è allineata alla concorrenza più evoluta per quanto riguarda i sistemi di ausilio alla guida, la connettività e il confort. E, com’era prevedibile, anche l’Audi A5 Coupé può adesso disporre, a richiesta, del virtual cockpit: la strumentazione virtuale basata su un display ad altissima risoluzione da ben 12,3 pollici che è probabilmente la migliore realizzazione attuale nel suo genere. Consente al conducente di organizzare a piacimento il cruscotto, in funzione delle sue necessità e del suo gusto estetico, e replica anche la mappa del navigatore.

L’abitacolo è arredato con molta accuratezza e anche dietro ha un’abitabilità notevole per una coupé, anche se l’accessibilità ai posti dietro è ovviamente limitata dalla mancanza delle porte posteriori. Eventualmente, due adulti che viaggiano sul divanetto possono lamentare solo l’assenza di qualche centimetro in altezza, ma hanno a disposizione bocchette di areazione dedicate e anche il controllo della temperatura pere la loro zona di competenza.

Come su tutte le consorelle di generazione recente, anche l’Audi A5 Coupé offre una guida leggera, agile ed estremamente piacevole ma dà anche una grande sensazione di sicurezza e di precisione, al punto che si rischia spessissimo di viaggiare ad andature molto superiori ai limiti consentiti senza accorgersene. E a questo risultato non è estranea l’insonorizzazione eccellente.

Secondo l’Audi, la gamma motori fa registrare un aumento medio del 17% in termini di potenze e una riduzione dei consumi del 22%. Il quattro cilindri turbodiesel di 2 litri da 190 CV sarà verosimilmente il propulsore più richiesto sul nostro mercato. Sarà disponibile abbinato alla trazione anteriore o a quella integrale, con cambio manuale a 6 rapporti o automatico a doppia frizione a 7 rapporti. Con una potenza simile ci si aspetterebbe forse una maggiore cattiveria, mentre in realtà l’erogazione è morbida e decisamente ben spalmata lungo tutto l’arco di giri. Questo, talvolta, non mette sufficientemente in rilievo il livello prestazionale che, invece, è molto elevato.

Sul fronte diesel, però, non si può non celebrare il nuovo 3 litri V6 da 286 CV, che è formidabile per potenza, coppia e spinta, ma anche per silenziosità. Perfettamente sintonizzato con la trasmissione automatica a 8 rapporti, sembra il complemento ideale per un’auto della classe dell’Audi A5 Coupé e, a nostro avviso, non fa rimpiangere neppure il V6 turbobenzina da 354 CV della variante sportiva S5. Completano la famiglia il 3 litri turbodiesel da 218 CV, dedicato a chi vuole scansare il superbollo, e il 2 litri turbobenzina in configurazione da 190 oppure 252 CV.

Il listino dell’Audi A5 Coupé verrà ufficializzato a giorni, ma dovrebbe partire da poco meno di 45 mila euro, contro i 39 mila dell’entry level della vecchia versione che, però, aveva alla base un meno performante 1.800 turbobenzina da 177 CV.

Articoli precedente

Nuova Alfa Romeo MiTo: porte aperte sabato 18 e domenica 19

Articolo successivo

L'Europa dell'auto a +16%. FCA, quarta, di nuovo davanti a Ford