Home»Test»Al volante di Subaru XV e-Boxer: la bestseller diventa ibrida

Al volante di Subaru XV e-Boxer: la bestseller diventa ibrida

0
Condivisi
Pinterest Google+

Subaru XV e-Boxer: sarà disponibile a partire dal 1° febbraio la seconda ibrida del marchio giapponese. E chi si stesse ancora domandando se questa dell’elettrificazione sia una moda in nome del politically correct, pensi che l’Europa impone ai costruttori, sulle auto vendute sul suo territorio, una tassa di 95 euro per ogni grammo di CO2 che ecceda il limite consentito. Che nel caso di Subaru è di 120 g/km in quanto marchio di nicchia (per i costruttori che immatricolano più di  300.000 auto il limite è di 95 g/km). Ecco quindi fugati tutti i dubbi sull’intenzionalità delle case di votarsi all’ambiente. Qui si rischia di venir cancellati a suon di multe dall’universo mondo in un paio di stagioni.

Non si rinnega nulla

Comunque, già che lo si deve fare, tanto vale farlo con intelligenza. Il che per Subaru significa regalarsi una bella batteria senza sacrificare nulla di quelli che sono da sempre i suoi punti di forza: solidità, divertimento alla guida e da qualche anno anche attenzione maniacale all’argomento sicurezza. Il sistema propulsivo della XV ibrida è lo stesso della Forester: boxer 2.0 da 150 CV più motore elettrico da 16,7 KW inserito nel cambio Lineartronic. Una distribuzione intelligente dei pesi con batteria dietro e motore elettrico davanti che conferma l’impostazione simmetrica della variante a benzina. L’unità a corrente interviene in diverse modalità: in partenza spingendo da sola per circa un chilometro e mezzo a zero emissioni. A patto di tenere il piede leggero e che la batteria sia sufficientemente carica. In accelerazione e in salita, insomma quando è richiesta la prestazione, lavora invece supportando il termico. In rilascio e frenata ricarica la batteria.

Piacere di guida inalterato

Rispetto alla Forester, la XV è più leggera e aerodinamica (pesa 1553 kg) e queste sue caratteristiche la rendono godibilissima tra le curve. L’auto è reattiva, tiene bene le traiettorie, e anche il cambio a variazione continua su questo modello sembra più veloce e impercettibile. D’altra parte la nuova piattaforma ha reso l’ultima XV (lanciata nel 2018) ancora più sportiva e divertente: rollio dimezzato rispetto alla generazione precedente, rigidità torsionale incrementata del 70%, quella del telaio del 100%. E l’ibrido è più pesante sì, ma come dicevamo i pesi sono ben distribuiti: la XV in variante elettrificata raggiunge i 196 km/h e arriva a 100 in 10,7 secondi.

Trazione integrale per andare quasi dappertutto

Trazione integrale ovviamente, come nella tradizione Subaru, con l‘XMode meno specifico di quello di Forester che – ricordiamo – prevede le modalità Snow e Deep Snow, ma comunque in grado, unito ad un’altezza da terra di 22 cm, all’Hill Descent Assist e a angoli caratteristici molto favorevoli, di far muovere la XV su percorsi fuoristrada di media difficoltà. Come quello che ci ha visti impegnati durante la presentazione stampa: tutto twist, laterali e inquietanti rocciosissime mulattiere.

Conviene affrettarsi

Bella e piacevole sì, ma come sempre se ne vedranno poche, e non certo per mancanza di domanda. In un un mondo in cui tutti corrono per stringere alleanze Subaru è e vuole restare un marchio di nicchia: parliamo di 1 milione di vetture vendute in tutto il mondo nel 2019, di cui 33.000 in Europa. E gli obiettivi per l’anno in corso sono simili. Intenzionale anche questa scelta dunque. Anche nel nostro Paese dove per vendere di più gli uomini di Nicola Torregiani, direttore vendite Subaru Italia, dovranno rosicchiare contingenti agli altri Paesi europei. 3370 gli obiettivi di vendita per quest’anno. Molte saranno XV, da anni la best seller della gamma, e molte saranno ibride: il 52% delle vetture vendute. Prezzo d’acquisto per portarsi a casa l’esclusività? Si parte da 32.500 euro.

Articoli precedente

Ministero e ACI: i trend su immatricolazioni e noleggio auto

Articolo successivo

Autonomia a zero emissioni di 643 km per il nuovo suv cinese Hycan 007