Home»Test»Volkswagen Tiguan 1.6 TDI: spazio al risparmio per la suv tedesca

Volkswagen Tiguan 1.6 TDI: spazio al risparmio per la suv tedesca

0
Condivisi
Pinterest Google+

Spaziosa, pratica e pure con costi di gestione contenuti. E’ la nuova Volkswagen Tiguan 1.6 TDI che va ad ampliare l’offerta della suv tedesca. Una versione esclusiva per il mercato italiano (al momento non è in vendita negli altri Paesi europei) che permette alla Casa tedesca di proporre un’alternativa alla best-seller Nissan Qashqai, rispetto alla quale è anche più lunga di una ventina di centimetri, a tutto vantaggio dell’abitabilità. Il prezzo di listino è pari a 28.750 euro, ma le concessionarie applicano uno sconto e anche se non si ha una vecchia auto da rottamare, l’importo scende a 26.500 euro.

Come sulle altre Volkswagen Tiguan, anche a bordo della 1.6 TDI si ritrova un ambiente dalle finiture curate (la sensazione di qualità percepita è alta) anche se dai toni un po’ scuri e decisamente ben sfruttabile: gli schienali dei sedili anteriori hanno comodi tavolini, mentre il divano è di tipo scorrevole: permette di scegliere se destinare maggior spazio alle gambe dei passeggeri posteriori oppure al bagagliaio (il volume varia da 615 a 1.665 litri). In ogni caso i centimetri anche per la testa sono sempre abbondanti e piacciono i sedili: lo schienale è rigido per offrire un buon supporto ma la seduta abbastanza morbida per non affaticare nei lunghi viaggi.

La Volkswagen Tiguan 1.6 TDI è proposta nell’allestimento “base” denominato Style ma ha praticamente tutto quello che serve per assicurare viaggi in relax e completa sicurezza: di serie figurano climatizzatore automatico trizona, schermo touch da 8” con MirrorLink e l’integrazione con smartphone Adroid e iOs, cerchi da 17”, fanali a led, sensori di parcheggio e dispositivi di aiuto alla guida come cruise control, lane assist (avverte e tiene in carreggiata l’auto), rilevamento della stanchezza del guidatore e sistema che frena automaticamente l’auto per evitare i classici tamponamenti da distrazione. Volendo, è possibile poi richiedere l’allestimento Business che per un esborso di 1.100 euro aggiunge anche il navigatore satellitare con servizi online e il comodo cruise control adattivo.

Su strada la Volkswagen Tiguan 1.6 TDI convince con un comportamento equilibrato e un assetto che la rende piacevole da guidare anche in mezzo alle curve per le sospensioni non troppo morbide e lo sterzo piuttosto preciso. Grazie ai 280 Nm di coppia da 1.700 giri in su, la guida è fluida e si è costretti a rivolgersi al cambio (piacevole da usare) solo quando si scende sotto questo regime oppure bisogna eseguire un rapido sorpasso. Certo, non ha la grinta del 2.0 TDI da 150 cv oppure di quello da 240 cv (con doppia turbina), ma per l’uso di tutti i giorni è più che sufficiente (da 0 a 100 km/h in 10,9 secondi e 185 km/h di velocità massima) e dalla sua propone costi di gestione più contenuti: Volkswagen dichiara una percorrenza media di 20,8 km/l. Peccato solo che il comodo cambio robotizzato a doppia frizione DSG non sia disponibile neanche a pagamento: per averlo si è costretti a passare alle motorizzazioni più potenti. Un discorso valido anche per la trazione integrale, detto che a meno di vivere in zone montane o doversi muovere molto spesso su fondi scivolosi si può fare tranquillamente a meno delle quattro ruote motrici.

Articoli precedente

Adattori si surriscaldano, richiamo per 7.000 modelli Tesla

Articolo successivo

Ferrari GTC4 Lusso T: la supercar versatile del Cavallino Rampante