Home»Y+»Auto elettriche: quota record in Norvegia, volumi da primato in Cina

Auto elettriche: quota record in Norvegia, volumi da primato in Cina

0
Condivisi
Pinterest Google+

Auto elettriche: quota record in Norvegia, volumi da primato in Cina

I clienti delle auto elettriche parlano soprattutto cinese (in termini assoluti) e norvegese (in valori percentuali). Nel solo primo trimestre del 2018, in Cina sono stati immatricolati 142.445 veicoli elettrici (PEV e PHEV, inclusi anche i veicoli commerciali), in crescita del 154%.

Gli Stati Uniti sono il secondo mercato al mondo delle auto elettriche

E nonostante Donald Trump, gli Stati Uniti sono il secondo mercato al mondo per le auto a zero emissioni. Negli USA sono state commercializzate 53.743 auto elettrificate (include quelle a idrogeno), ovvero 13.000 in più rispetto ai primi tre mesi del 2017. Con gli incentivi, peraltro poco richiesti, in Germania le vendite sono salite di oltre 7.000 unità arrivando a 17.549, cioè poco sopra il valore della Norvegia (16.181, +20%). Solo che gli abitanti della Germania sono oltre 82 milioni, quelli del paese scandinavo poco più di 5 milioni. L’analisi tedesca del Center of Automotive Management (CAM) rivela come la quota delle immatricolazioni di auto a zero emissioni abbia sfiorato il 48% (47,9% per la precisione) in Norvegia.

Italiani ancora molto scettici, appena 1.800 auto vendute nel primo trimestre

In nessun altro paese la quota è così alta e nello stesso periodo del 2017 la penetrazione superava di poco il 35%. In Italia tra gennaio e marzo sono state vendute poco più di 1.800 macchine elettrificate: 923 a zero emissioni (+71,9%) e 918 ibride plug-in (+72,6%). La quota è dello 0,4%. In Cina lo share dei veicoli elettrificati è del 2%, come in Germania e nel Regno Unito. Un altro paese “virtuoso” è l’Olanda: nei Paesi Bassi la penetrazione è quasi raddoppiata, passando dall’1,7% del primo trimestre del 2017 al 3,3% di quest’anno. Negli Stati Uniti è dell’1,3%.

Articoli precedente

Europa, mercato auto in forte calo: crolla nel Regno Unito, vola in Spagna

Articolo successivo

Dieselgate, un caso sempre aperto: perquisiti gli uffici di Porsche e Audi