Home»Y+»Ha chiuso l’IAA 2019, in 10 giorni meno visitatori che al Parco Valentino

Ha chiuso l’IAA 2019, in 10 giorni meno visitatori che al Parco Valentino

0
Condivisi
Pinterest Google+

Ha chiuso l’IAA 2019, in 10 giorni meno visitatori che al Parco Valentino

Tra il 19 ed il 23 giugno a Torino, il Salone Parco Valentino è stato visitato da 600.000 persone, a Francoforte tra il 12 ed il 22 settembre la Internationale Automobile Austellung (IAA 2019) da 560.000. Per anni si è parlato della crisi dell’Italia dell’auto e del suo grande motor show, quello di Bologna. A quanto pare incapace di essere al passo con i tempi.

La crisi colpisce anche la Germania e la sua industria

Ma, sempre a quanto pare, il Belpaese ha anticipato i problemi dei saloni dell’auto, alle prese con le difficoltà del mercato, ma anche alla ricerca di nuovi sbocchi per “dialogare” con i clienti, anche potenziali. La Germania è il paese europeo dove si vende il maggior numero di veicoli nuovi: poco meno di 3 milioni nei primi otto mesi del 2019. E la Germania è anche il paese con i più importanti costruttori premium. L’industria dell’auto occupa non meno di 800.000 persone, anche se in vista ci sono tagli all’occupazione. Certo, l’ingresso al Salone Parco Valentino, che nel 2020 si trasferisce in Lombardia, è gratuito, mentre all’IAA 2019 era a pagamento. E magari anche i numeri italiani sono più “arrotondati” (per eccesso).

Dopo l’IAA 2019, gli organizzatori valutano formula e sedi diverse

Ma l’aumento dei visitatori al primo ed il drammatico calo al secondo sono evidenti. Nel 2015 l’IAA era stato frequentato da 932.000 persone, calate da 810.000 due anni fa. La stesse dimissioni del presidente della VDA, Bernhard Mattes, seppur non strettamente legate al Salone, lasciano intendere che il clima è pesante. La flessione è attribuita in gran parte al calo del numero dei costruttori (gli espositori sono scesi da 1.000 a 838): ad eccezione di Lamborghini l’Italia era assente, la defezione della Francia è stata quasi totale, così come quella del Giappone. La riflessione su un possibile cambio di sede e di formula è già cominciata. L’Italia lo conosce già.

Articoli precedente

Mercedes-Benz Certified, nuova formula usato sicuro. Anche AMG e smart

Articolo successivo

Kallenius, Daimler deve "migliorare drammaticamente l'efficienza": 4,2 mld