Home»News»Dieselgate, risarcimento milionario anche in Europa. A un cliente speciale

Dieselgate, risarcimento milionario anche in Europa. A un cliente speciale

0
Condivisi
Pinterest Google+

Un risarcimento c’è, anche senza class action. Perché non tutti i clienti europei vittime del dieselgate sono uguali. C’è un caso che, a quanto pare, dovrebbe condurre ad un risarcimento multimilionario. E che, anticipano i giornali tedeschi, dovrebbe venire risolto senza arrivare in tribunale.

Porsche avrebbe chiesto ad Audi 200 mln di risarcimento

Audi, infatti, sarebbe intenzionata ad andare incontro ad uno dei suoi clienti, rivelano la Bild am Sonntag e la Automobilwoche. Si tratta di Porsche, che avrebbe avanzato una richiesta di indennizzo nell’ordine dei 200 milioni di euro. La ragione è la fornitura dei motori TDI da 3.0 litri che la casa di Zuffenhausen ha montato sotto il cofano della Cayenne. Peccato che le unità si siano poi rivelate “irregolari”, costringendo Porsche al richiamo di circa 21.500 suv. Secondo le anticipazioni giornalistiche i vertici di Porsche avrebbero inviato una sorta di “conto” ai colleghi di Audi. La richiesta non riguarda soltanto i costi della campagna di adeguamento, ma anche altre voci, come quelle delle spese legali.

Uwe Hück, “Porsche si sente tradita da Audi”

Le due società, che sono quelle che assicurano la maggior parte degli utili al gruppo, non hanno alcun interesse che il caso finisca sui giornali. Nel recente passato, tuttavia, il numero uno delle finanze di Porsche aveva già manifestato l’intenzione di avanzare una sorta di richiesta di risarcimento. Il portavoce dei lavoratori, cioè il capo del consiglio di fabbrica, Uwe Hück, aveva tuonato contro gli organismi direttivi di Ingolstadt. L’ex pugile aveva dichiarato che Porsche si sentiva ingannata da Audi. La compensazione economica che la casa dei Quattro Anelli sarebbe disposta a riconoscere a Porsche dovrebbe chiudere il caso. E sarebbe la conferma che non tutti i clienti europei sono uguali.

Articoli precedente

Certificazioni falsificate: lo tsunami giapponese che investe l'automotive

Articolo successivo

"Paperissima dell'auto", una serie di incidenti incredibili