Home»News»Più prestazioni e meno consumi e emissioni col nuovo CVVD di Hyundai

Più prestazioni e meno consumi e emissioni col nuovo CVVD di Hyundai

0
Condivisi
Pinterest Google+

Più prestazioni e meno consumi e emissioni col nuovo CVVD di Hyundai

Continuously Variable Valve Duration (CVVD): si chiama così la nuova tecnologia sviluppata dal gruppo Hyundai per aumentare le prestazioni e ridurre consumi ed emissioni. Il sistema verrà applicato per la prima volta al motore sovralimentato a benzina Smartstream G1.6 T.GDI. L’unità esordirà entro fino anno sulla nuova Sonata Turbo.

CVVD in cifre: prestazioni +4%, consumi -5% e emissioni -12%

Il gruppo Hyundai, che comprende anche Kia, assicura un incremento delle performance del 4% ed al contempo un abbattimento dei consumi del 5% e delle emissioni del 12%. In tempi difficili per i propulsori “tradizionali” questi numeri significano un bel passo in avanti in termine di sostenibilità. La tecnologia, informa il costruttore coreano, è stata sviluppata internamente e svelata presso lo Hyundai Motorstudio Goyang unitamente al novo propulsore. Il CVVD è basato sul controllo ottimizzato della durata di apertura e chiusura delle valvole.

I tempi di apertura e chiusura delle valvole regolati dalle condizioni di guida

Il funzionamento dipende dalle condizioni di guida. Quando il veicolo procede a velocità costante e richiede meno potenza, il sistema mantiene aperta la valvola di aspirazione fino a metà del ciclo di compressione, per chiuderla poi fino quasi alla fine dello stesso. Grazie a questo meccanismo viene ridotta la resistenza dovuta alla compressione e viene impiegato in modo più razionale il carburante. Invece, quando serva la potenza massima, la valvola d’aspirazione viene chiusa fin dall’inizio del ciclo di compressione. Il fine è quello di massimizzare il volume d’aria utilizzata per la combustione, così da generare valori di coppia maggiori.

Il nuovo motore verrà impiegato dal gruppo Hyundai anche su modelli Kia

“Lo sviluppo della tecnologia CVVD è un ottimo esempio di quanto Hyundai Motor Group stia rafforzando le tecnologie dei propri powertrain”, ha spiegato Albert Biermann, l’ex manager di Bmw chiamato a dirigere la divisione Ricerca e Sviluppo del colosso coreano. La nuova tecnologia esordisce sul quattro cilindri turbo benzina da 1.6 litri da 180 CV e 265 Nm di coppia le cui prestazioni ambientali sono accentuate anche dal sistema di ricircolo dei gas di scarico a bassa pressione (Low-Pressure Exhaust Gas Recirculation – LP EGR). il gruppo ha già previsto l’adozione dello stesso motore su altri modelli Hyundai e Kia.

 

Articoli precedente

Protean 360+ (NEVS), ruote con sospensioni, sterzo e motore integrati

Articolo successivo

Subaru Levorg atto secondo: un peccato lasciarsela scappare