Home»News»Arriva la Suzuki Across, il suv plug-in nato dalla cooperazione con Toyota

Arriva la Suzuki Across, il suv plug-in nato dalla cooperazione con Toyota

0
Condivisi
Pinterest Google+
La Suzuki Across, il primo modello frutto della cooperazione con Toyota, arriva in Europa in autunno. Si tratta di un suv che condivide l’architettura del Rav4, inclusa la tecnologia plug-in. La casa di Hamamatsu ha precisato che l’autonomia elettrica è di 75 chilometri nel ciclo WLTP, quello gemello raggiunge i 95 in Giappone. La velocità di punta è di 180 orari.

La Suzuki Across è lunga 4,63 metri, il passo è di 269 centimetri

La Suzuki Across misura 4,63 metri di lunghezza (1,69 di altezza), quindi qualche centimetro in più del modello gemello. Il passo è di 2.690 millimetri. Grazie alla tecnologia plug-in, abbinata alla trazione integrale E-Four, vengono dichiarate emissioni di CO2 pari a 22 g/km. La potenza massima è di 185 CV con una coppia di 270 Nm. Il motore benzina è da 2.5 litri da 136 CV, mentre le unità elettriche sono da a 182 (anteriore) e 54 (posteriore). La batteria agli ioni di litio posizionata sotto il pianale è da 18,1 kWh. Il conducente può scegliere fra quattro modalità di guida: EV mode, Auto EV/HV mode, HV mode e Battery charger mode. Il vano vagagli ha una capacità che parte da 490 litri, con i sedili in configurazione normale.

Fino a quasi 1.170 litri di capienza per il bagagliaio con i sedili reclinati

Se i divano posteriori sono reclinati arriva fino a 1.168. Sul nuovo suv Suzuki Across ci sono proiettori a LED a doppio fascio, che combinano abbagliante, anabbagliante e luci diurne a LED, e cerchi in lega da 19” con finitura nera lucida e una superficie diamantata. Dal punto di vista tecnologico, la Suzuki Across dispone dell’AWD Integrated Management (AIM) e del Trail Mode, cioè il sistema di controllo del differenziale a slittamento limitato. Tra le funzioni di assistenza alla guida il suv con le insegne della casa di Hamamatsu monta il Pre-Collision System (PCS), il Lane Tracing Assist (LTA) e il Dynamic Radar Cruise Control (DRCC).
Articoli precedente

Volkswagen Tiguan: evoluzione di sostanza

Articolo successivo

Renegade 4xe e Compass 4xe, domani comincia l'era plug-in di Jeep