Home»Test»Al volante della nuova Mercedes CLA Coupé, la “baby” CLS

Al volante della nuova Mercedes CLA Coupé, la “baby” CLS

0
Condivisi
Pinterest Google+

Al volante della nuova Mercedes CLA Coupé, la “baby” CLS

La “Stella” dei giovani è la Mercedes CLA Coupé. Che per essere ancora più vicina ai suoi clienti monta motori anche da 1.3 litri benzina e 1.5 diesel. Una scelta indotta per contenere il prezzo, ma anche per rientrare nelle norme sulle emissioni. Tanto che l’intera gamma della nuova generazione che debutta in Italia a maggio è Euro 6d-Temp.

Oltre 26 km per litro di percorrenza con il solo diesel disponibile al lancio

Tanto che nessuno dei modelli a listino nel Belpaese è colpito dal malus governativo. Tanto che per la 180d da 1116 CV (7 più di prima) dichiara una percorrenza superiore ai 26 chilometri per litro. Per le future varianti 200d e 220d si parla addirittura di un quasi azzeramento delle emissioni di NOx. Con un CX da best in class, la Mercedes CLA Coupé è una vettura non solo efficiente, ma esteticamente ben riuscita. “Il lato sportivo della berlina”, dicono a Stoccarda. La sportività è esaltata dallo stile, ma anche dalle prestazioni e dall’assetto.

Nuova Mercedes CLA Coupé a listino a partire da 33.610 euro

Le linee non penalizzano la visibilità. Il comfort è elevato e anche dietro, malgrado il profilo a tetto spiovente, si sta comodi. Del resto il modello è cresciuto di 4,8 centimetri in lunghezza (4,69 metri) e di 5,3 in larghezza. Il bagagliaio, al contrario, ha perso 10 litri di capienza, che adesso è di 460 litri. La macchina più giovanile di Mercedes (i clienti hanno almeno 10 anni in meno di quelli “tradizionali” del marchio) è offerta in Italia a partire da 33.610 euro con il più aggiornato MBUX di serie. Il sistema è in grado di rispondere a domande più complesse rispetto a prima.

Quattro allestimenti e trasmissione automatica a sette marce di serie.

Sul fronte delle sicurezza e dell’assistenza alla guida, la Mercedes CLA Coupé mutua funzioni direttamente dall’ammiraglia Classe S. Ci sono il Distronic, l’assistenza attiva nella frenata di emergenza, quella attiva al cambio di corsia ed il sistema antisbandamento attivo. In certi casi le funzioni scattano fin troppo tempestivamente “stringendo” le cinture di sicurezza anche quando la situazione è tutt’altro che pericolosa, almeno a giudizio di chi sta al volante. Tutti i modelli montano di serie la trasmissione automatica 7C DGT. Gli allestimenti italiani sono Executive, Sport, Business e Premium (AMG Line).

 

Articoli precedente

Kia Habaniro Concept, la terza nuova elettrica al Salone di New York?

Articolo successivo

Vinco.net & Woolf_ID: innovative startup, unite per "contrastare" gli autovelox